domenica 3 febbraio 2013

Just give me ONE MORE NIGHT


Penso sia una delle situazioni più spiacevoli, quella in cui ti rendi conto di AVERE BISOGNO degli altri. Per sentirti apprezzato, per vivere in generale. Il mio "tutti sba(di)gliamo" dovrebbe intendere anche questo: siamo condannati a condividere con gli altri, a mischiarci in mezzo alla massa, pur non comprendendone e concependone tanti aspetti che probabilmente gli altri (dal loro mirino) non comprendono in noi. Sono MORTIFICATO. Voglio perdono da questo insulso mondicello e mi sento sempre più esterno, finirò col deprimermi sotto un ponte a pensare a tutto ciò che avrei potuto fare e che non ho fatto. C'è chi lo chiama piangersi addosso, ma io lo chiamo semplicemente lamentarsi. E DEL MONDO CI STA TAAANTISSIMO DA LAMENTARSI. Quindi io può. Io sono nato con poche convinzioni e certezze, che poi nel tempo penso siano anche diminuite, ma una resta: IO HO L'ESCLUSIVA. No matter quello che la gente possa pensare, io ho la presunzione di capire quando qualcosa saprei farla bene, quando potrei permettermi di rivolgermi a qualcuno in un certo modo, oh. Ciao. Notte

-
-

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivo per condividere, quindi lasciate pure una vostra impronta...