sabato 30 marzo 2013

Luce che filtra

Sto qui, alle 3:20 del mattino a pensare che non devo preoccuparmi di mia madre che entra in camera dicendomi che è tardi, che sono matto, che sto scherzando a essere sveglio a quest'ora, perché ha visto la luce filtrare da sotto la porta della mia camera... Ah no, della camera mia e di mia sorella. Sono lontano e sto meglio, mi manca la fisicità di un abbraccio puro come quello che potrei dare solo a mia madre, ma non per fare il mammone, sarebbe il secondo post in cui concentro l'attenzione sul mio amore per lei. Semplicemente pensavo che qui sto fermo, tra l'altro anche solo a casa fino a lunedì sera. Posso vivere 3 giorni come se fossi proiettato in un futuro in cui sono io a dovermi pagare l'affitto e altro. Per ora non è così, ma potrebbe andare bien e io trovare un lavoro che mi farebbe sentire socialmente realizzato. Che poi... perché ho caldo? 


Adoro questa canzone. Oggi.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivo per condividere, quindi lasciate pure una vostra impronta...